Lamrim – Gli stadi del sentiero per l’illuminazione

In generale, qualsiasi oggetto virtuoso può essere usato come oggetto di meditazione. Se scopriamo che familiarizzando la nostra mente con un particolare oggetto, questa diventa più pacifica e virtuosa, ciò indica che quell’oggetto è virtuoso. Se si verifica l’opposto, l’oggetto non  è virtuoso. Molti oggetti sono neutri e non hanno particolare effetto positivo o negativo sulla nostra mente.

10-721x1024Ci sono molti diversi oggetti virtuosi di meditazione.  Basandoci su una Guida Spirituale qualificata apriamo le porte alla pratica del Dharma. Tramite le benedizioni della nostra Guida Spirituale noi generiamo fede e confidenza nella nostra pratica, e otteniamo facilmente le realizzazioni delle varie fasi del sentiero.

Dobbiamo meditare sulla nostra preziosa vita umana per realizzare che abbiamo ora una speciale opportunità di praticare il Dharma. Se apprezziamo il grande potenziale di questa vita non lo sprecheremo impegnandoci in attività prive di significato.

Dobbiamo meditare sulla morte e sull’impermanenza per superare la procrastinazione, e per assicurarci che la nostra pratica del Dharma sia pura superando le nostre preoccupazioni legate ai problemi mondani. Se pratichiamo puramente il Dharma non sarà molto difficile ottenere delle realizzazioni.

Meditando sui pericoli di una rinascita nei reami inferiori, prendendo rifugio sinceramente, evitando le non virtù e praticando le virtù, proteggiamo noi stessi da tale rinascita e ci assicuriamo che vita dopo vita otterremo la preziosa rinascita umana che offre le condizioni favorevoli per la pratica del Dharma.

Dobbiamo meditare sulle sofferenze degli umani e degli dei per sviluppare una desiderio spontaneo di ottenere una liberazione permanente, o nirvana. Questo desiderio, conosciuto come “rinuncia”, ci incoraggia fortemente a completare la pratica dei sentieri spirituali, che sono i veri metodi per ottenere una piena liberazione.

Dobbiamo meditare sull’amore, sulla compassione e sul bodhichitta così da superare il nostro auto-compiacimento e sviluppare e mantenere un buon cuore verso tutti gli esseri viventi.

Con questo buon cuore abbiamo bisogno di meditare sulla dimora nella quiete e la vista superiore cosicché possiamo sradicare la nostra ignoranza e diventare infine un Buddha, abbandonando i due tipi di ostruzione.

Qual’è il fine della meditazione?

imageresizer1Tramite la meditazione analitica percepiremo chiaramente il nostro oggetto, quindi attraverso la meditazione collocata raggiungeremo livelli profondi di esperienza e realizzazione.  Lo scopo principale di tutte le meditazioni Lamrim è di trasformare la nostra mente nel sentiero verso l’illuminazione, avvicinandoci a livelli di realizzazione sempre più profondi. La dimostrazione che abbiamo ottenuto una perfetta realizzazione di ogni oggetto è che nessuna delle nostre azioni susseguenti sarà incompatibile con essi e che tutti gli oggetti diventeranno più significativi. Per esempio, quando abbiamo ottenuto una perfetta realizzazione della compassione non saremo mai più in grado di procurare spontaneamente danno a qualsiasi altro essere vivente e tutte le nostre azioni successive saranno influenzate dalla compassione.